Groundskeeper Willie

Willie is the groundskeeper of Springfield Elementary School. In the original series, he comes from Scotland: the public can understand it both from his accent (which is really different from the one used by Springfield inhabitants) and from the kilt he often wears. Willie is solitary and aggressive and often talks about his Scottish rural life and childhood; he is “diverse”, he acts and speaks differently from the Springfield community and this fact is often highlighted.

Gr_willie_scot

It was difficult to recreate all the features of this character in the Italian version of the show: in fact, the translators had to recreate Willie’s solitary and aggressive nature, which in the U.S. version correspond to the stereotype of Scottish people. “The fundamental difficulty that the Italian translator and dialogue writer encountered was the fact that the Scottish stereotype in Italy does not correspond to the characteristics that Willie presents.” In fact, Italians think that the Scottish people are red-headed, avid people who drink a lot; therefore, the Italian stereotype cannot correspond to Willie’s nature and his constant reference to rural childhood. The solution adopted by the translators was drastic: they completely changed Willie’s country of origin. In the Italian version, in fact, he comes from Italy or, more precisely, from Sardinia!

Why did they choose this solution? The translators and dialogue writers decided to transfer Willie’s Scottish stereotype to another country (region, in this case) whose stereotype fits the same characteristics for the Italian audience.

“Today Sardinia is one of the most exclusive and expensive locations for tourism in Italy, but in the stereotypical view of Italians it still remains isolated and it is seen as very rural; traditional representation of people from this region figures a rustic lifestyle and people usually working as shepherds.” Therefore, Willie’s origins from Sardinia correspond to his nature more than his origins from Scotland for the Italian public, because Sardinians are viewed as rural and solitary (the region is the most isolated one from the peninsula) which actually are Willie’s most important characteristics.

This process of drastic modification is an example of domestication and re-territorialization of a character. In fact in the Italian show, Willie is literally transferred to Italy: he speaks with a Sardinian accent and always says that he comes from Sardinia. When in the American show Willie talks about his Scottish origin, in the Italian version this is always changed by talking about Sardinia.

mappa

The major problem faced by the dialogue writers has been the fact that Willie often wears a kilt, which is a typical and undeniable reference to Scotland. Sometimes this element is simply ignored in the Italian translation, while sometimes it is considered as a skirt; it is actually used as an element that adds oddity, strangeness and diversity to the character.

Just two episodes translated for the Italian audience presented insurmountable difficulties and ambiguity, because there were specific visual and linguistic references to Willie’s Scottish origins. The episodes are “Lard of the Dance” (“Tanto va Homer al lardo che…”) and “Monty Can’t Buy Me Love” (“Monty non può comprare amore”).

 The first episode is more easily translatable because every piece of information or joke about Willie is based on language. In the episode Homer decides to enter the grease-recycling business and make money in this way; so he tries to steal Springfield’s Elementary school waste with Bart, but Willie discovers them. In order to defend himself and fool Willie, Homer pretend to be an exchange student from Scotland, so he starts talking with a marked Scottish accent. When he hears that Homer is also Scottish, Willie becomes excited and asks Homer where he comes from, and Homer answers that he comes from “North Kilt Town” and Willie is extremely happy because he says this is the same town he comes from and asks Homer if he knows Angus McLeod. The dialogue is funny because Willie talks with a marked Scottish accent and Homer tries to talk like him.

simpson accenti dialetti willie scozzese sardo winchester napoletano

The entire dialogue is translated and transferred to the Italian context by substituting every reference to Scotland with a reference to Sardinia. Therefore, Homer affirms he comes from “Nord Pecurone” (an invented town, which literally means “North Big Sheep Town”) and Willie asks if he knows Salvatore Udda, which is a typical Sardinian name; the whole dialogue is characterized by a strong Sardinian accent. “The correspondence between North Kilt Town and Nord Pecurone, between Angus McLeod and Salvatore Udda and between the accents is accurate and very creative. In the first case the name of Willie’s hometown is based on very stereotypical traits: the kilt from Scotland and the sheep for Sardinia; similarly, the reference to Angus McLeod and Salvatore Udda is comical because the two names respectively sound undeniably from Scotland and Sardinia.” Therefore, the conversation is completely transferred into the Italian context by using a stereotype about Sardinia, which corresponds to the stereotype that Americans have about Scotland: this is a typical example of re-territorialization. Moreover the conversation has the same consequences both for the American and the Italian audience: confirming Willie’s origins from Scotland (in the U.S. version) and Sardinia (in the Italian version).

The other episode, “Monty Can’t Buy Me Love”, was more difficult for the translators and is ambiguous for the Italian audience.

It talks about a travel that Mr. Burns wants to do in Scotland: he is looking for the Loch Ness monster and wants to capture it and take it to Springfield. Mr. Burns forces Homer, Willie and Professor Frink to go and help him.

When they arrive at the lake, Homer sees an older couple that really looks like the groundskeeper Willie. The latter, in fact, says that those are his parents who own a tavern nearby and that he was “conceived, born and educated” there. For the American audience there is nothing strange or different from the previous episodes in this sentence, because they already know that Willie comes from Scotland.

tumblr_me0ml6wRxw1qa6rsvo1_500

But it’s not like that for the Italian audience. The Italian adaptation presents many difficulties for the translators, because the visual elements completely contradict what the audience previously learned about the character. First of all, the episode has plenty of references to Scotland, which are very explicit; secondly, the couple undoubtedly resembles Willie, so the Italian audience could wonder why Willie’s parents are from Scotland if he speaks Sardinian.

Instead of clarifying information about the character, the Italian dialogue increases the ambiguity about Willie. Only in this episode, in fact, his origin is changed to Scotland, but the translators made every person in the crowd speak with a Sardinian accent. In addition, after revealing that he was born in Scotland, Willie makes two “precise references to Sardinia that immediately transfer him back to the Italian context.”First, when Homer goes underwater and does not reappear on the surface for a while, Willie claims that Homer shows more “stubbornness” than a “goat from Gennargentu”; later in the episode, after Mr. Burns manages to capture the monster by himself, Willie says he is “stronger than Gigi Riva”.

Throughout these elements, then, Willie is immediately re-transferred into the Italian context.  

All in all, we can say that the translators have been able to re-territorialize Willie’s character, especially at a linguistic level. The reason is that Sardinian is the only idiom in Italy which is not only a dialect, but a real different language, incomprehensible to other Italians. Therefore, Willie’s Sardinian origin and accents place him as an “outsider” and “diverse” from the Springfield community, which is the same role he plays in the U.S. version as a Scotsman.

images (1)

Advertisements

Il giardiniere Willie

Willie è il giardiniere e guardiano della scuola elementare di Springfield. Nella versione originale è Scozzese, e il pubblico lo percepisce sia a livello visivo che uditivo: infatti Willie parla con un forte accento scozzese (il che lo contraddistingue dagli altri abitanti della città), e molto spesso indossa un kilt.

Gr_willie_scot

È un personaggio solitario ed aggressivo, che spesso parla della sua infanzia e adolescenza in Scozia, caratterizzate da un tipo di vita rurale e a contatto con la natura. È considerato un “diverso”: parla e agisce in maniera differente rispetto agli altri personaggi e abitanti della città e questa è una sua caratteristica peculiare, molto spesso enfatizzata.

Non è stato semplice per gli adattatori ricreare tutte le caratteristiche di questo personaggio nella serie italiana: dovevano infatti ricreare la natura solitaria e aggressiva di Willie, che nella versione americana corrispondono allo stereotipo degli Scozzesi. Nell’immaginario collettivo americano, infatti, gli Scozzesi sono visti come persone solitarie, silenziose, e contadine. Ma in Italia queste caratteristiche non corrispondono affatto allo stereotipo degli Scozzesi: piuttosto in Italia, se si pensa agli Scozzesi, vengono in mente persone dai capelli rossi, allegri e che bevono molto.

Quindi lo stereotipo italiano non corrisponde affatto alla natura aggressiva di Willie, né soprattutto ai suoi riferimenti alla vita rurale. In questo caso gli adattatori hanno optato per una soluzione drastica, ma geniale: hanno deciso di cambiare nazionalità e provenienza di Willie. Nella versione italiana infatti, Willie non è più Scozzese, ma Italiano e, più precisamente, viene dalla Sardegna!

Ma perché gli adattatori hanno optato per questa soluzione e hanno scelto proprio la Sardegna? Semplice, perché lo stereotipo della Sardegna corrisponde maggiormente alle caratteristiche di questo personaggio.

mappa

     

  In realtà oggi la Sardegna è una delle mete turistiche più esclusive, ma nell’immaginario collettivo italiano rimane comunque una zona isolata rispetto al resto del Paese,  considerata inoltre molto rurale; secondo uno stereotipo comune, inoltre, molti abitanti del luogo lavorerebbero nella pastorizia. Dunque, le origini sarde (piuttosto che scozzesi) di Willie corrispondono maggiormente alla sua personalità nell’immaginario collettivo italiano, perché gli abitanti di quella regione vengono considerati rurali e solitari (e la Sardegna viene vista come una zona molto isolata), che sono in realtà le caratteristiche principali del personaggio.

       Questo cambiamento drastico delle origini di Willie è un chiaro esempio di addomesticamento e ri-territorializzazione di un personaggio. Infatti nella versione italiana, le sue origini vengono letteralmente legate all’Italia: Willie parla dunque con un marcato accento sardo, e più volte afferma di essere nato e cresciuto in Sardegna.

       Ora, il problema principale che hanno però dovuto affrontare gli adattatori è il fatto che Willie indossa spesso un kilt, chiaro riferimento alla Scozia. Come soluzione, spesso si è scelto direttamente di ignorare questo elemento, mentre altre volte si fa riferimento al kilt come a una semplice gonna: è comunque un elemento utilizzato per sottolineare ancora di più la stranezza e diversità di questo personaggio rispetto agli altri.

Soltanto due episodi dell’intera serie hanno presentato problemi insormontabili per i traduttori italiani, proprio perché vi sono vari riferimenti visivi e linguistici alle origini scozzesi di Willie. Gli episodi sono “Tanto va Homer al lardo che…” e “Monty non può comprare amore”.simpson accenti dialetti willie scozzese sardo winchester napoletano

Il primo episodio è più semplice da tradurre, in quanto ogni informazione o gioco di parole riguardo Willie viene fatto a livello linguistico. La trama è la seguente: Homer scopre che il grasso di cucina usato è molto redditizio da rivendere come concime e cerca di fare soldi in questo modo. Decide quindi di trafugarlo dalla cucina della scuola elementare aiutato da Bart, ma Willie il giardiniere li scopre. Per cercare di difendersi e prendersi gioco di Willie, Homer, fingendosi uno studente in scambio culturale proveniente dalla Scozia, inizia a parlare con un forte accento scozzese. Willie è molto contento nel sentire che anche Homer è scozzese, e inizia a fargli molte domande e chiedergli da dove viene esattamente. Homer risponde che è nato e cresciuto a “North Kilt Town” e Willie è ancora più contento perché anche lui è nato lì, e allora chiede a Homer se conosce Angus McLeod. Il dialogo è molto buffo e divertente perché Willie parla con un forte accento scozzese e Homer cerca di imitarlo.

Nella versione italiana, l’intero dialogo viene trasferito nel contesto italiano, sostituendo ogni riferimento alla Scozia con un riferimento alla Sardegna. Quindi Homer inizia a parlare con un forte accento sardo e sostiene di essere nato nella città di “Nord Pecurone”, e a quel punto Willie gli domanda se conosce Salvatore Udda, un nome che fa subito pensare alla Sardegna. La corrispondenza tra North Kilt Town e Nord Pecurone, tra Angus McLeod e Salvatore Udda è molto precisa, creativa e, a mio avviso, geniale. Infatti il nome della città di provenienza di Willie rappresenta delle caratteristiche tipiche dello stereotipo scozzese e sardo: il kilt, per la Scozia, e le pecore, per la Sardegna; allo stesso modo, i nomi di Angus McLeod e Salvatore Udda sono comici in quanto suonano rispettivamente scozzese e sardo.

Possiamo quindi affermare che l’intera conversazione viene addomesticata per un pubblico italiano, attraverso l’uso dello stereotipo riguardante la Sardegna e i suoi abitanti, che corrisponde esattamente allo stereotipo che gli Americani hanno nei confronti degli Scozzesi: questo è un tipo esempio di ri-territorializzazione. E, all’atto pratico, la conversazione ha lo stesso effetto sia sul pubblico Italiano che su quello Americano: confermare le origini scozzesi/sarde di Willie.

L’altro episodio (“Monty non può comprare amore”) presenta difficoltà maggiori per gli adattatori, e in alcuni punti ambiguità per il pubblico italiano.

L’episodio è totalmente incentrato su un viaggio che il signor Burns vuole fare in Scozia: sta infatti cercando di catturare il mostro di Loch Ness per portarlo a Springfield e farsi così amare e rispettare dagli altri abitanti della città. Il signor Burns porta con sé Homer, Willie e il Professor Frink per aiutarlo.

Una volta arrivati al lago, Homer nota una coppia di anziani che assomiglia molto a Willie, e glielo fa notare. Willie risponde che infatti quelli sono i suoi genitori, proprietari di una taverna poco distante, nel luogo in cui lui stesso è stato “concepito, nato e cresciuto”.

tumblr_me0ml6wRxw1qa6rsvo1_500

Per il pubblico Americano non c’è niente di strano in questa scena, perché già conosce le origini scozzesi di Willie. Ma non è così per il pubblico italiano.

Questa scena presenta molte difficoltà per gli adattatori della serie italiana, perché contraddice, a livello visivo, ogni informazione data in precedenza su Willie. Risulta infatti ambiguo per il pubblico italiano sentire che Willie è “stato concepito, nato e cresciuto” in Scozia, quando negli episodi precedenti ha sempre sostenuto di essere nato in Sardegna; e per di più parla con uno spiccato accento sardo!

La soluzione scelta per questo episodio aumenta la stranezza e l’ambiguità del personaggio. In questo caso infatti le origini di Willie vengono trasferite in Scozia, ma gli adattatori decidono di far parlare ogni persona del posto con un accento sardo. Inoltre, dopo la frase in cui rivela di essere nato in Scozia, Willie fa delle affermazioni che lo ricollegano immediatamente alla Sardegna e, quindi, al contesto italiano. Ad esempio, quando dopo qualche scena Homer va sott’acqua alla ricerca del mostro e non riappare per vari minuti, Willie dice che “è cocciuto come una pecora del Gennargentu” oppure, quando il signor Burns riesce a catturare il mostro, dice che “è stato più forte di Gigi Riva” .

Dunque, attraverso questi elementi, Willie è immediatamente trasferito nel contesto italiano.

Per concludere, possiamo affermare che gli adattatori italiani sono stati in grado di ri-territorializzare il personaggio di Willie, specialmente a livello linguistico, attraverso la scelta delle origini sarde. Il motivo principale è che in Italia il sardo è l’unico dialetto ad essere considerato addirittura una vera e propria lingua, incomprensibile per gli altri Italiani. Dunque, la scelta della Sardegna come luogo d’origine di Willie lo fanno percepire al pubblico come un “outsider”, diverso dalla comunità di Springfield: lo stesso effetto che ha la scelta della Scozia nel pubblico Americano.

images (1)

Dubbing or subtitling?

Dubbing is not the only way to translate a movie. In fact, there are other two techniques to achieve this aim: subtitling and oversound.

Oversound is a technique in which the new score of the film (that is the translated one) is added (and not only replaced) to the original one, which is in the background. This technique is particularly used in interviews. With the oversound, the dubbing actor starts speaking two-three seconds after the original actor; for this reason the dialogue adaptor must pay great attention to the translation of each sentence, so that what is said corresponds to what the actors actually do.

       On the contrary, a subtitle is a text written to help understand motion pictures. Subtitles are not the literal translation of a spoken text, but they consist in a real adaptation of it; in fact, when transposing an oral message to a written text, you must take into consideration several factors, such as the rhythm, the register, the space on the screen, etc.

       But why do producers sometimes prefer subtitling a film, instead of dubbing it?

audrey

       First of all dubbing a film is far more expensive than subtitling it. But this decision is not only based on economic reasons: for example, it also depends on the percentage of people that speak English in the foreign country. Thomas Herbst affirmed that the preference for subtitles increases in people with a higher education level and social class. He distinguishes the “subtitling countries” (where, on average, people prefer subtitles, like The Netherlands) from the “dubbing countries” (where dubbed films are preferred, like Italy, Spain and France), adding that generally subtitles are preferred in those marginal countries that are open to foreign culture; on the contrary, dubbing is more popular in countries like Italy or France, where often the government doesn’t want people to be influenced by different or unknown cultures (as during Fascist times when Mussolini banned the circulation of English-spoken movies). 

 

       Subtitles: The Features

  • with the subtitles, the original text is actually reduced, by 40 to 70%;
  • subtitles take up a part of the screen, preventing the spectator to totally watch the movie;
  • it takes more or less half of the film to read the subtitles for an average spectator; therefore half of the film is not actually “watched”;
  • the spectator can’t totally concentrate and get carried away by the plot of the film because he always has to read the subtitle;
  •  the person who speaks the original language of the film is somehow annoyed by the presence of the subtitles, while who doesn’t speak the language can’t learn it because he/she can read the subtitles
  • a subtitle can’t be longer than 2 lines of 36 letters and has to remain on the screen from half a second to four seconds.

Today subtitles are less disturbing than in the past, but they surely can’t replace dubbing, because subtitling means eliminating all the details that are not necessary to understand the dialogue (otherwise the subtitle would be too long); on the contrary, the heart of a movie is in the feelings and emotions which are expressed also through the dialogue. For this reason today subtitles are considered only something to help people understand a movie in a foreign language, but can’t be considered as a tool of linguistic transposition like dubbing.

The Globe and Mail

I read this post on http://www.theglobeandmail.com and I recommend to you.

Enjoy the reading!

THE ART OF THE FILM SUBTITLER: HOW TO BE AS UNNOTICEABLE AS POSSIBLE

http://www.theglobeandmail.com/arts/film/the-art-of-the-film-subtitler-how-to-be-as-unnoticeable-as-possible/article8951009/

Doppiaggio o sottotitoli?

Oltre al doppiaggio esistono altre due tecniche di traduzione degli audiovisivi: l’oversound e i sottotitoli.
L’oversound è una tecnica nella quale la nuova colonna sonora –tradotta- viene sovrapposta, e non sostituita come nel doppiaggio, a quella originale, che viene lasciata in sottofondo. Questa tecnica si usa in genere nelle interviste o nei docu-drama . Nell’oversound il narratore inizia a parlare uno-due secondi dopo lo speaker originale, e quindi il dialoghista deve avere una particolare attenzione nella costruzione della frase per evitare che nelle scene descrittive non si perdano i riferimenti relativi .

I sottotitoli sono testi scritti a supporto della comprensione di un messaggio audiovisivo. Essi si distinguono innanzitutto in intralinguistici e interlinguistici, a seconda che la lingua d’origine e quella del sottotitolo coincidano (es.: italiano>italiano) o differiscano (es.: italiano>inglese).
Come per il doppiaggio, e contrariamente a quanto si possa pensare, il sottotitolaggio non è l’esatta trasposizione di un testo parlato, bensì il risultato di un adattamento del testo parlato a un codice scritto che tenga conto di numerosi parametri quali i limiti di spazio, il ritmo del parlato, il registro dell’autore, ecc. Le eventuali modifiche sintattiche, lessicali e gli opportuni tagli, laddove necessari, distinguono un sottotitolo di qualità da uno pessimo.audrey

Il 23% della programmazione televisiva europea è costituita da prodotti che provengono dagli Stati Uniti; al loro arrivo, questi prodotti devono essere tradotti e viene attuata una scelta: in alcuni Paesi vengono doppiati, in altri sottotitolati.
Ma perché si sceglie di sottotitolare un film invece di doppiarlo?
Innanzitutto questa scelta è dovuta a ragioni economiche: infatti, i costi del doppiaggio sono molto elevati e corrispondono a circa dieci volte quelli del sottotitolaggio; per questo motivo, si sceglie di utilizzare la tecnica del sottotitoli in quei Paesi che non superano un certo numero di possibili utenti (15-20 milioni) e che quindi non riuscirebbero ad ammortizzare il prezzo del doppiaggio.

Naturalmente la scelta non è dettata soltanto da ragioni economiche, ma anche da altri elementi come la presenza o meno di strutture produttive e il livello di conoscenza linguistica degli abitanti. Thomas Herbst sostiene che gli studiosi hanno rilevato che la preferenza per i sottotitoli aumenta con l’aumentare di parametri quali il livello di istruzione e la classe sociale e potrebbe essere strettamente legata alla maggior conoscenza delle lingue straniere e ai più frequenti viaggi all’estero o anche ai fattori socioculturali dei singoli Paesi. Herbst fa una distinzione tra i cosiddetti “subtitling countries” e i “dubbing countries”, ossia quelle nazioni, come i Paesi Scandinavi o i Paesi Bassi, che tendono a sottotitolare i film stranieri, e quelle come l’Italia, la Francia, la Spagna e la Germania dove è preferito il doppiaggio; mentre infatti la sottotitolazione è generalmente più diffusa presso culture più “periferiche” e più aperte alle influenze esterne, il doppiaggio nasce in Paesi come l’Italia, la Germania e la Spagna come strumento di standardizzazione linguistica e per evitare una contaminazione di altre culture diverse e poco conosciute (si pensi a Mussolini, che voleva evitare che gli italiani venissero a conoscenza di culture diverse dalla nostra).

Caratteristiche dei sottotitoli:
 il sottotitolo comporta una riduzione del testo originale, dal 40 al 70%;
 i sottotitoli occupano una parte dell’immagine, impedendo una visione completa;
 il tempo necessario alla lettura dei sottotitoli prende allo spettatore circa la metà della durata di un film, quindi metà del film non viene “vista”;
 il continuo salto dal centro dell’azione alla parte bassa dello schermo impedisce il coinvolgimento nell’opera;
 chi conosce la lingua di partenza dell’opera è disturbato dalla presenza del sottotitolo, mentre chi non la conosce non è certo portato ad apprenderla in quella sede, vista la “comoda” presenza del sottotitolo;
 l’espressività dell’opera nel suo complesso è limitata.

Del resto, che il sottotitolaggio sia un espediente tecnico utile, ma comunque estraneo alla partecipazione dello spettatore al film, è stato sempre ribadito dalla critica fin dall’inizio.Oggi la tecnologia si è evoluta: un sottotitolo non
supera le due righe di 36 caratteri e rimane sullo schermo da un minimo di
mezzo secondo a un massimo di 4 secondi, che sono i tempi fisiologici necessari
all’occhio umano per la lettura.

foto sottotitoli

Malgrado sia un elemento di disturbo minore che in passato, il sottotitolo non può certo sostituirsi al doppiaggio, in quanto il sottotitolatore è costretto a privare il testo di tutti i dettagli non indispensabili alla comprensione (altrimenti il sottotitolo sarebbe troppo lungo). Alcuni elementi indicanti particolari stati d’animo quali l’esitazione, le false partenze, le frasi incomplete, proprio perché peculiari della lingua parlata vanno perduti quando trasferiti nella lingua scritta.

Per questo i sottotitoli sono da considerarsi un semplice aiuto per comprendere la trama, ma non possono svolgere assolutamente la funzione di trasposizione linguistica che svolge il doppiaggio.

FOTO:

1) Colazione da Tiffany

2) La notte di Marcello Mastroianni

Lincoln

Salve a tutti, 

Vorrei utilizzare questo spazio, oltre che per promuovere la mia tesi, anche per segnalare la mia opinione per quanto riguarda il doppiaggio di alcuni film usciti recentemente e non.

Io amo profondamente i doppiatori italiani, credo che siano tra i più bravi al mondo, così come i dialoghisti.

Lincoln_2012_Teaser_Poster

Tuttavia, qualche giorno fa, dopo aver visto il trailer e pensato “Questo film deve essere veramente fantastico!” e dato che ha ricevuto varie nomination agli Oscar e critiche positive…bè sono andata a vedere il nuovo film di Steven Spielberg, “Lincoln”.

Nulla da togliere al film che, seppur un po’ lento (ma comunque è un genere che deve piacere altrimenti risulterebbe un po’ pesante) è molto bello, fatto benissimo e fa commuovere.

Le cose stanno in maniera un po’ diversa per il doppiaggio: ecco credo che se l’avessi visto in versione originale (cosa che farò a breve, vi farò sapere) mi avrebbe colpito molto di più. Perché doppiare bene un film significa anche garantirne in qualche modo la riuscita e il successo all’estero.

Ho trovato il doppiaggio di Lincoln (sì, proprio lui, il protagonista, quello a cui dovevano fare più attenzione!) piuttosto scarso, sia per quanto riguarda la sincronizzazione (certi primi piani non si potevano guardare) che per la recitazione del doppiatore. Voce mai sentita (che non è una cosa negativa, perché sono per le nuove leve) ma soprattutto piatta, incolore, recitava tutto allo stesso modo. E non credo che sia stato fatto apposta perché “il personaggio lo richiedeva”. No Lincoln è un personaggio appassionato, coinvolgente e carismatico che ha dato la vita per un principio morale, e questo andata mantenuto anche nel modo di parlare, gli spettatori l’avrebbero percepito anche da questo. Si sarebbero sentiti più coinvolti e avrebbero evitato di addormentarsi, come ha fatto un signore accanto a me! 🙂